Le due facce dei dolci per la potenza maschile

Esiste un patere abbastanza comune che i dolci siano un male diaveletto il quale non si può smettere di mangiare; sono la scusa principale per le donne perché non riescono a dimargire (ovviamente lo vogliono fare, però, sfortunatamente, non esiste ancora uno zip per la bocca). Comunque, bisogna capire se davvero i dolciumi abbiano un’influenza sulla nostra salute e, per quanto riguarda gli uomini, sia vero se li mangiassero di meno, i rappresentanti del sesso forte non avrebbero nessun problema con la funzione erettilie durante il passatempo con la partner?

Cosa ci dice la metanalisi scientifica

Recentemente gli scienziati dall’Irlanda hanno condotto una metanalisi che riguardava il probabile impatto dei dolci sulla salute umana e, soprattutto, e il rapporto fra i dolci e il problema con la disfunzione erettile. Hanno esaminato i volontari maschi facendoli superare qualche test medico per verificare il livello di testosterone (l’ormone steroideo maschile che regola il desiderio, l’erezione, generalmente la vita sessuale e, soprattutto, la frequenza di essa di un uomo). Prima di fare questo test per la prima volta, gli uomini non dovevano mettere nemmeno un grammo di zucchero nei loro pasti durante il giorno. Ricevuti i primi risultati della prova medica, i volontari dovevono bene un bicchiere di acqua molto zuccherata che conteneva 75 grammi di glucosio, dopo di che gli scienziati irlandesi hanno rifatto il test per verificare il livello dell’ormone maschile nel sangue. Paragonando i 2 test si metteva subito in chiara evidenza il fatto che dopo aver bevuto l’acqua con 75 grammi di glucosio, il livello del testosterone è ridotto al 25%. Tale percentuale faceva capire che la quantità notevole dello zucchero consumato diminuisce significativamente il livello dell’ormone maschile nel sangue di un uomo.
Dopo qualche ora di attesa, incuriositi i medici e anche i partecipanti di questa metanalisi, hanno fatto un nuovo, il terzo test di sangue e alla fine hanno scoperto che il livello dell’ormone era ridotto definitivamente senza il seguente ricupero. Quindi, la conclusione di tale ricerca ha confermato l’influenza dei dolci sull’organismo di un uomo che senza la considerazione di tale fatto e la riduzione della quantità dei cibi che contengono molti zuccheri semplici e, sopprattutto, se essi vengono mangiati a bizzeffe, possa fare un rappresentante del sesso forte e potente! in un impotente.

Aggiungiamo un po’ di dolcezza in amarezza detta prima

Allora, vista la conclusione di tale ricerca sull’influenza dei dolci sul livello del testosterone nell’organismo maschile, un uomo può pensare che i dolci ormai siano un divieto per lui e che bisogni fare la scelta assoluta – o la soddisfazione al letto, o la soddisfazione con il cibo. Però, non c’è proprio bisogno di farla, siccome la risoluzione di questo dilemma consiste nella quantità dei cibi zuccherati consumati. Se vengono mangiati in poche quantità e raramente, allora avranno solo l’effetto rillassante e appagante. Invece, se la quantità di essi è esagerata, quindi, in questo caso, gli uomini possono avere le gravi conseguenze nel campo della propria vita sessuale e nei rapporti con le donne in generale.
Comunque, bisogna dire che olte “i dolci cattivi” ci sono anche quelli buoni. Per esempio, già da tanto tempo è stata scoperta e approvata scientificamente una ricetta miracolosa con la quale gli uomini possano essere armati facendo l’amore. Questa ricetta miracolosa è utilissima e gli può aiutare a sconfiggere la disfunzione erettile. E’ semplicissima! 100 grammi di qualsiasi tipo di noci (le mandorle, i pistacchi, le nocciole, possono andare bene anche gli arachidi) ben grattugiate con un cucchiaio di miele vengono mischiate bene tutte insieme e mangiate. La mangiata di tale dessert potrà avere dei risultati impressionanti. Le noci sono note per le loro proprietà benefiche: i grassi monoinsaturi, gli acidi grassi, i proteini e altri minerali salutari fanno chiamare esse come il prodotto di “lenta combustione”. Perché, tranne nutrire il cervello e farlo reagire più attivamente, esse sono la perfetta fonte della “pura” energia. Contenendo molti minerali, per esempio, la vitamina E, gli acidi grassi omega-3, gli steroli vegetali, cioè le sostanze che sono in grado di ridurre il livello di colesterolo dannoso, il potassio, il calcio, il ferro, il magnesio e lo zinco, le noci diventano una strapotente bomba chimica che possa prevenire un sacco di malattie, oltre quelle del campo sessuale, e sono un prodotto che va mangiato ogni giorno. Se accumulare tutti gli effetti positivi del miele, i più importanti ne saranno: il miele entra nell’elenco dei prodotti top per prevenire molte malattie cardiache, i raffreddori. Oltre le sue ottime capacità nella lotta contro i malanni sopranominati, è il prodotto migliore per il trattamento e il mantenimento della potenza maschile sempre “on”. Questo rimedio naturale miracoloso contiene un’enorme quantità delle sostanze utili: il glucosio e il fruttosio, il ferro, il magnesio, il potassio, il calcio, il sodio, lo zolfo e il cloro, è ricco delle vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B5, B6) e della vitamina C. Siccome esso anche contiene il boro, che riesce a controllare il livello del testosterone dell’organismo maschile, il miele è considerato uno degli afrodisiaci naturali più forti che possa dare e ricuperare l’energia sessuale e perciò viene incluso in molti piatti sia salati che dolci.

Altri segreti alimentari che regolano la vita sessuale

Per capire meglio cosa, infatti, sia un’alimentazione sana e equilibrata, i ricercatori presso il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti nel 1992 hanno presentarono una piramide alimentare che fa capire in modo spiegabile come devono essere suddivisi e di che cosa devono consistere i nostri pasti quotidiani.
Nel primo scalino troviamo i carboidrati sani, cioè tutti i tipi di pasta di grano duro, il riso, il grano mondato. Tutti questi cibi ci danno l’energia durevole e le fibre vegetali ci rendono amici con il proprio organismo. Il prossimo gradino contiene la frutta e le verdure che vanno consumate anche quotidianamente. Oltre le fibre vegetali, esse sono ricche di vitamine e minerali. Rispetto ai precedenti due, i prodotti del terzo gradino vanno mangiati relativamente più raramente. Qui si tratta dei latticini e la carne. Per quanto riguarda la carne, è più sano mangiare quella bianca (il pollo, il coniglio, il tacchino), il pesce che è un’ottima fonte dei proteini ad alto livello di valore biologico e dei grassi poli-insaturi. I latticini possono essere di qualsiasi tipo, sia di ridotta untuosità che di normale. Sono la fonte di calcio e di proteine. Sulla cima della piramide alimentare si trovare i vari tipi di olio, i grassi vegetali e i dolci, il burro, la margarina, lo zucchero, le bibite gassate e altri tipi di dessert. Essi possono essere mangiati, non sono sotto il divieto, però la loro quantità deve essere ragionata bene. Perché se vogliamo essere sani, dobbiamo pensarci bene cosa mettere in bocca.
Bisogna ricordare, il cibo deve essere goduto! E’ sbagliato sempre suddividere un prodotto in proteini, grassi e carboidrati, se lo facciamo, non sentiamo il gusto, la golosità di quello che mangiamo. Consideriamo i cibi come la tavolozza dei colori, che ogni volta possano creare un piatto diverso, completamente nuovo, pieno dei sapori e dei gusti. Detto questo, bisogna anche aggiungere che non è a caso gli uomini siano considerati i cuochi migliori. E perché non giustificarlo da adesso?